Sei in > Home > Basilicata > Matera > Aliano > La Storia  
 

 ADV

Aliano - La Storia

Logo Basilicata Vacanze Aliano La storia di Aliano Ŕ molto antica: le numerose necropoli rinvenute durante gli scavi archeologici, soprattutto nella contrada Cazzaiola, hanno dato alla luce pi¨ di mille tombe ed oltre 30.000 reperti dei secoli VII-VI-V a.C. che provano la singolare cultura derivante dalla civiltÓ greca, etrusca ed enotria. L’Agri e il Sinni, infatti, allora navigabili, portarono in questa cittÓ gli Etruschi dalla costa tirrenica e i Greci dalla costa ionica; quindi fiorý un centro importante che operava scambi commerciali e culturali fra diverse popolazioni. I reperti finora recuperati sono conservati nel Museo nazionale della Siritide, presso Policoro, ma tra non molto questo patrimonio archeologico d’Aliano sarÓ esposto nell’Antiquarium, ubicato nel centro storico. L’etimologia e l’origine di Aliano derivano dall’essere stata edificata nelle possessioni di Allius, donde Praedium Allianum, indi Allianum. Aliano fu centro vitale nel 280 a.C. ai tempi di Pirro. Nel Medioevo, attraverso alterne vicende, il paese pass˛ da un feudo all’altro: appartenne a Givano di Montescaglioso, a Giovanni Bricaldo, consigliere di Carlo I d’Angi˛ e ai Sanseverino. Nel 1492 pass˛ ad Eligio della Marra, ai Carafa, ai Gusman ed infine ai Colonna di Stigliano. Della presenza di queste famiglie gentilizie restano tracce in alcuni vecchi palazzi del centro storico. Pi¨ oscura Ŕ la storia nei secoli successivi quando, per la rovinosa amministrazione dei feudatari, si poterono sviluppare solo attivitÓ di pura sopravvivenza: un’arretrata agricoltura e un misero artigianato. Ancora oggi l’economia si fonda soprattutto sull’agricoltura, praticata per˛ con criteri e mezzi moderni, anche se non si Ŕ riusciti ancora a ridurre il fenomeno dell’emigrazione. Una speranza di salvezza potrebbe essere il turismo: valorizzare le risorse storiche, artistiche, culturali e paesaggistiche.

FONTE: Consiglio Regionale di Basilicata.