Sei in > Home > Basilicata > Potenza > Abriola > Da Visitare > Il Castello  
 

 ADV

Abriola - Il Castello

Logo Basilicata Vacanze Abriola Nel castello arabo di Abriola c’era una famiglia assai devota alla madonna di Monteforte, ma era afflitta da povertÓ e disgrazie infinite che si era ridotta a due soli stretti parenti: il nonno e una nipote che si arrangiava da cucitrice.

Il feudatario di quel paese, che aveva fama di essere assai capriccioso, un giorno volle che qualcuno gli indovinasse quanto valeva la sua barba. Ordin˛ pertanto alle guardie di far salire su al palazzo tutti coloro che fossero passati per quella via. Pass˛ il primo cittadino, le guardie lo condussero davanti al sovrano il quale gli ordin˛ di sedere e gli impose: “Tu devi indovinare quanto vale la mia barba”. Il povero cristiano non seppe che rispondere e di conseguenza fu mandato in prigione. Pass˛ il secondo, poi il terzo e poi il quarto e a ciascuno capit˛ la stessa sorte.

Intanto il nonno e la nipote pativano sempre pi¨ freddo e fame; essi abitavano in un sottano nelle vicinanze del palazzo reale e per rimediare qualcosa dovevano transitare dove le guardie fermavano i passanti. Allora la nipote disse al vecchio: “Vai su alla fortezza e quando sei dinanzi al duca digli che nell’ora della morte la sua barba vale quanto la tua”.

Il nonno, spinto dal bisogno, pass˛ per quella via, le guardie lo chiamarono e gli ordinarono di salire dal duca. E il duca gli rivolse la stessa domanda. Il vecchio rispose: “Quando morirai, MaestÓ, la tua barba varrÓ quanto la mia”. “Bene! Chi ti ha suggerito la soluzione?”. “Nessuno”. “Bada, devi dirmi la veritÓ se no ti mando in prigione”.

Il vecchio, intimorito, rispose: “Perdonami la superbia. Mia nipote Ŕ stata a suggerirmi questa soluzione sfrontata”.

“Oh, bravo! Conducimi qui tua nipote”, fece di rimando il duca.

Il vecchio, mai immaginando come se la sarebbe cavata, and˛ a chiamarla e il sovrano, volendo premiare l’acume della fanciulla e assicurarsi un p˛ di giudizio a corte, pens˛ bene di darla in sposa a suo figlio.

FONTE: Consiglio Regionale di Basilicata.