Sei in > Home > Basilicata > Potenza > Il Dialetto di Potenza  
 

 ADV

Dialetto di Potenza

Logo Basilicata Vacanze Il dialetto Potentino per molti aspetti si pu˛ definire figlio del napoletano.

 

Ecco alcuni proverbi tipici della cittÓ:

  • Si chiov' e mena viend', chiur l'usc' e statt'attiend'! (Se piove e tira vento, chiudi la porta e stai attento!)

  • Agg' vist' 'a mort' mbacc' (Ho visto la morte in faccia, cioŔ ho corso un serio,grave pericolo)

  • Chi tropp' s'abbascia , lu cul s' mostra (Chi troppo si abbassa, mostra il sedere)

  • 'nnanz cÓ mov nu per, l'atu s'lu magnan li furmic' (Nel frattempo che si muove un piede, l'altro se lo mangiano le formiche)

  • Va' p't'fÓ la croc e t' ceca l'uocchie (Vai per farti il segno della croce e ti cechi gli occhi)

  • Fac prim la femmena Ó s'truvÓ na scus, cÓ no nu pir't a s'truvÓ nu pertus (Fa prima la donna a trovarsi una scusa, che non un peto a trovarsi un pertugio)

  • Tre s˛ i potent': U' papa, U'rrŔ, e chi nun ten nient' (Tre sono i potenti: il Papa, il Re e chi non ha niente)

  • Bbuon bbuon, chi¨ scur da mezzanott nun pot ess (Mal che vada non potrÓ mai essere pi¨ buio della mezzanotte)

  • Chi manegg' festegg' (Chi detiene i giusti ruoli ne trae sicuramente beneficio)

  • Pigl'e porta n'gasa e dic a mamma ca s˛ cerase (Lett: Prendi, porta a casa e dici a mamma che sono ciliege. In realtÓ questa frase si pronuncia per sfogarsi dopo essere riusciti in qualche intento, magari sbeffeggiando l'avversario)

Ecco invece alcune variazioni totali di vocaboli:

  • Albicocca -> prn'kokk
  • Arancia -> partgall
  • Barattolo -> buatt'
  • Pantalone -> cavuzon
  • Peperone -> u'zafaran
  • Sacerdote -> zi'prevt
  • Setaccio -> c'rnegg

FONTE: Wikipedia